Il mio film d' amore preferito: L' Uomo Bicentenario ♥


Non amo i film d'amore, ma L'Uomo Bicentenario (che non è nemmeno considerato tale) è l'unico film romantico che mi ha emozionato fino alle lacrime. Ispirato all' anonimo romanzo di Isaac Asimov e Robert Silverberg è stato girato nel 1999 da Chris Columbus. E' la storia di un robot antropomorfo, Andrew, interpretato da Robin Williams, acquistato dalla famiglia Martin come aiutante domestico. Il robot viene accolto con molta diffienza da parte delle donne di casa, fatta eccezione per "piccola miss" che invece instaura con la macchina un rapporto speciale. Martin dimostra di possedere creatività e attitudine al lavoro artigianale, attività che gli consentirà di accumulare un proprio capitale.


La creatività non è l'unica caratteristica di Andrew a sorprendere la famiglia Martin, infatti il robot, contrariamente alla sua natura meccatronica, dimostra di provare curiosità e sentimenti che, dopo più di decennio di passati a servizio della famiglia, lo porteranno a chiedere di non essere più considerato una proprietà. L'autonomia gli verrà subito concessa dal sig. Martin che da sempre ha visto in Andrew qualcosa di più di un elettrodomestico. Andrew comincia un lungo viaggio alla ricerca di altri robot della stessa serie (NDR-114) prodotti dalla U.S. Robots and Mechanical Men. Dopo vent'anni di ricerche trova Galatea, una fembot alle dipendenze del ricercatore Rupert Burns.


Andrew resta molto deluso da Galatea, ma si interessa alla pioneristica e audace ricerca di Burns che mira a sostituire i componenti robotici in materiale organico e quindi di trasformare i robot in umani. Andrew decide di finanziare la ricerca di Burns con i soldi accumulati con il suo lavoro di artigiano. Il robot si sottopone ad una serie di interventi che via via gli donano un aspetto sempre più umano. Non resta che tornare a casa Martin per stupirli ancora, ma al suo arrivo a casa il robot, o meglio il cyborg, si rende conto improvvisamente del tempo che è passato.


Piccola Miss è ormai un'anziana signora, che da lì a poco morirà di vecchiaia. Andrew conosce Porzia, nipote di Piccola Miss ed adesso è con lei che instaura un rapporto magico, che piano piano si trasformerà in vero amore. Andrew continua a sottoporsi agli interventi fino a diventare un essere umano a cui manca solo il sangue che causerebbe il deterioramento dei suoi tessuti... La vicenda di Andrew e Porzia è in assoluto una delle più belle storie d'amore mai raccontate al cinema.

«Per seguire il proprio cuore, 
uno deve fare la cosa sbagliata.»  

Andrew Martin (Robot)